Percorsi di Cultura e Storia del Cibo   
 
Home Chi siamo Archeologia e Cucina Prodotti Attività ed Eventi Contatti

Dalla California per la Cucina Garibaldina

Giunge in Umbria dalla California, una delegazione per scoprire la Cucina del Risorgimento italiano

ottobre 2012

Molti credono che la tradizione della vera cucina italiana si perda nella notte dei tempi e che il cibo che ha reso unica la nostra terra sia lo stesso di secoli e secoli fa. La verità è che la vera cucina italiana, per come la conosciamo ed esportiamo, è "un'invenzione" relativamente recente. La rivoluzione gastronomica, basata sul sapore naturale degli ingredienti e non più sulla loro alchimia di trasformazione tipica del passato, cominciò in Francia nel XVIII secolo e si propagò con enorme successo in Italia. Da allora, complici anche quegli ingredienti venuti dal nuovo mondo americano, la cucina del nostro Paese seppe dare dei limiti riconoscibili ai sapori, ponendo quindi anche la qualità delle produzioni agroalimentari come elemento di primaria importanza. Il consolidamento allargato a tutta l'Italia delle nuove cucine regionali si data nel periodo dell'unificazione del Paese. Potrà sembrare paradossale ma dobbiamo a Giuseppe Garibaldi anche la nascita della vera cucina italiana. Proprio sulla base di questo fatto, una delegazione della città americana di Sonoma California, ha voluto prendere parte ad un seminario espressamente organizzato sulle particolarità della cucina italiana del risorgimento. L'incontro è avvenuto al Teatro dei Riuniti nella città di Umbertide, luogo che per giunta vanta una sentita appartenenza alle storie ottocentesche, dove i componenti della delegazione californiana hanno assistito ad una lezione sulla storia della cucina italiana. Un evento reso possibile anche grazie alla preziosa collaborazione della scrittrice americana Elizabeth Wholey, cultrice raffinatissima delle eccellenze della cultura enogastronomica italiana. Il saluto di Sergio Consigli di Slow Food e del Generale Garibaldi è stato particolarmente apprezzato dai californiani, che non si sono lasciati perdere l'occasione di farsi immortalare accanto all'eroe dei due mondi. Di seguito all'incontro ha avuto luogo un Laboratorio del gusto in collaborazione con la Condotta Slow Food Alta Umbria, dove i delegati hanno potuto cimentarsi nella realizzazione di un antico formato di pasta fatta a mano. Dal teatro dei Riuniti l'iniziativa si è poi trasferita presso la vicina Taverna dei Mille, dove ha avuto luogo una degustazione di vini umbri curati da Stefano Tonanni di Slow Food e di una selezione di piatti della tradizione gastronomica umbra curati da Marino Marini. Uno scambio di culture del cibo che ha dato vita a un rapporto che troverà presto altre nuove opportunità per la ripetizione di un'esperienza didattica e sensoriale unica e ricchissima di soddisfazione. 

 

Elizabeth Wholey autrice di "Sustenance" food traditions in Italy's heartland

   

Home ] Su ] Vissani, Braconi e Perugia ]

Inviare a info@archeofood.com un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Aggiornato il: 06 giugno 2016